Collettivo Ittrio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
un dettaglio del lavoro del collettivo ittrio

LxL 2019 parte con il collettivo milanese Ittrio, Adriano Moneghetti e Carmelo Violi, frequentatori di San Sperate da ormai 15 anni.
La ricerca della parete su cui intervenire è partita immediatamente e non è stato facile trovare lo spazio giusto che si è presentato solo dopo un giorno di ricerca.
Il progetto era chiaro sin da subito, il lavoro pittorico doveva includere tantissime figure umane, quasi un opera orgiastica con numerosissime figure tratte dalle più importanti opere dei pittori del novecento.
L’opera site-specific è intitolata “Quadro svedese” titolo ispirato alla struttura compositiva delle figure disposte una a ridosso dell’altra in un vortice di incastri e tensioni che nella loro condizione umana sembrano recitare la commedia dell’assurdo. Le figure rappresentate in questo murales sono tutte ispirate ad opere di autori del passato la cui costruzione d’insieme ricorda le composizioni di Bosh o le vivaci immagini di Jacovitti. Volti drammatici e scene ironiche convivono nella stessa commedia, obbligate a ritagliarsi il proprio spazio nell’oblio di una buia struttura architettonica che le contiene e le comprime. 
Il risultato è un turbine di corpi e colori, come dimostrano le foto qui sotto.

it_ITItalian
en_GBEnglish it_ITItalian